Shabbyfreak    
DIY     decor     La mia vita      Matrimoni

lunedì 11 aprile 2011

Le Freak c'est Chic!

"Peace e love",è il motto che più si addice al trend  d'arredamento che impazza gia' da tempo in Inghilterra e che sicuramente più  rappresenta la mia essenza sessantottina: dopo lo shabby , 'il  trifhty chic,che tradotto significa economico.
Qualcosa quindi di non necessariamente costoso né troppo lezioso , ma che possa comunque rendere gli ambienti assolutamente chic e ricchi di personalità!
Lo stile shabby rimane ancora il baluardo al quale il trifhty si ricongiunge,"spezzando" però le candide vesti del primo attraverso l'uso "plastico" ed esplosivo del colore! Un tripudio di rosa schocking , turchesi , verdi acido modellano  ambienti dai coloratissimi richiami Hippies... quindi assolutamente FREAK!
"Vintage" è la parola d'ordine che rappresenta questo stile, e non importa che ogni oggetto sia diverso dall'altro, anzi, è proprio la diversità   a distinguere il trifhty dallo shabby, aggiungendo quel pizzico di verve  all'eleganza incontrastata del secondo.

Il trifhty predilige mobili , oggetti e tessuti anni cinquanta, sessanta e  settanta, dalle linee minimal, povere di orpelli e l'importanza del concetto di riciclo, si rivolge  al riutilizzo   della materia prima,oltre che come principio ecologico,  come  riuso inteso  a far rivivere attraverso gli elementi d'arredo  il fascino degli anni in cui sono nati



Trifhty,come hippies, soprattutto per le fantasie floreali e patchwork che animano  i tessuti  ed i nastri   che decorano le sedute dei divani e delle  poltrone  in cuoio invecchiato, entrando in un ambiente che ricorda il marasma ludico, leggero e accattivante dell'isola di Wight! E se Woodstock ,ahime, è solo un ricordo, nulla ci vieta di sognare e di rivivere quei momenti storici  irripetibili attraverso la forza degli oggetti, mobili, stoffe,ma anche  scarpe dalle zeppe altissime  o abbigliamento in perfetto stile "figli dei fiori"E  e se l'arrivo di un ospite inaspettato ci impone il ricorso al bon ton , nulla ci vieta di stravolgerlo  servendo il thè nelle porcellane antiche composte da pezzi "spaiati", rimasugli di servizi differenti!




E parlando di "figli dei fiori",potevano forse mancare  i fiori per l'appunto? Da mettere in contenitori di riciclo come secchielli scrostati o vecchi barattoli di vetro colorati... Et voilà  una ventata di freschezza si diffonde nella casa!



 Il Thrifty ci dimostra che Freak non è solo sinonimo di diversità, ma anche di gioia, di colore e di irrefrenabile vitalità...Unica regola del thrifty style è non avere regole,   abbandonare la nostra vena creativa  al flusso delle emozioni , senza però trascendere nel Kitsch più sfrenato, quindi evviva lo chic senza rinunciare al freak o viceversa, perchè ,LE FREAK C'EST CHIC!


9 commenti:

  1. Mi piace questo stile Manu!!! Te lo approvo in pieno... ;)))

    RispondiElimina
  2. ps ma quanto mi piace questo blog? Ti rappresenta in pieno e dimostra quanto sei forte in materia. I tuoi sogni si realizzeranno molto presto. Non vedo l'ora.

    RispondiElimina
  3. Ciao zia Manu..finalmente siamo riuscite a visitare il tuo blog...è stupendo!!Ci è piaciuto tanto il post sul guardiano del faro..a quando la seconda parte??
    Comunque sarò ripetitiva..ma complimenti per la creatività!!Un bacione da due tue grandi sostenitrici..

    RispondiElimina
  4. Forcyyyyy ho ritrovato il mio blog con annessa password!
    Ed eccomi qui! Il tuo blog è magnifico!

    RispondiElimina
  5. Oddio che emozione leggere i vostri commenti! Grazie siete magnifiche e vi voglio bene... però devo ammettere che la mia adorabile piccola Crì è in pool position!Grazie di cuore!

    RispondiElimina
  6. Ciao Emanuela! Grazie per il tuo commento!!! questo post è veramente ben scritto, complimenti!!
    Un bacio!
    Mara

    RispondiElimina
  7. Grazie a te Mara,e benvenuta!
    un bacio anche a te!

    RispondiElimina
  8. Ciao Emanuela! Grazie per il tuo commento! Your blog is fabulous. It's great to meet you

    RispondiElimina